La sostenibilità
secondo Pecci Filati

Faccia a faccia con il Sustainability Team


Quali sono i principali passi che avete fatto verso la sostenibilità?

Pecci Filati ha iniziato il percorso di sostenibilità nel 2014, con un piccolo gruppo di filatori fantasia pratesi. Insieme abbiamo sottoscritto un Codice Etico e una Carta dei Valori, iniziando ad occuparci di chimica nei nostri materiali in ingresso e all’interno dei nostri processi. Tutto questo, implementando il protocollo 4S di 4Sustainability che ci ha aiutato fin da subito a darci una metodologia che in quel momento mancava. Nel 2016 abbiamo sottoscritto il commitment DETOX con Greenpeace, siamo entrati nel percorso disegnato da ZDHC e ci siamo certificati in quasi tutti gli standard di Textile Exchange. Dal 2015 è nata anche Filati Naturali, il cui prodotto di punta è il cachemire riciclato che permette di riutilizzare materiali di scarto pre- e post-produzione.

Qual è il vostro approccio nei confronti delle certificazioni eco?

Le certificazioni sono sicuramente utili perché i nostri clienti hanno necessità di avere garanzia da enti terzi sulla veridicità di ciò che dichiariamo e noi, a nostra volta, abbiamo bisogno di assicurazioni sulle caratteristiche delle materie prime in ingresso. Tuttavia, il loro proliferare, l’aumento delle richieste da parte dei brand e della burocrazia ad esse collegata sono deleteri e fanno spesso allontanare dai veri obiettivi. Faccio un esempio: nelle fibre animali ci sono delle certificazioni per attestare l’animal welfare e la sostenibilità degli allevamenti. In certi casi però il materiale reperibile sul mercato con quelle certificazioni è pochissimo, e il rischio è la sostituzione di fibre animali (di per sé sostenibili, a prescindere dalle certificazioni) con materiali tipo nylon e poliestere, solo perché possono avere più facilmente ‘il bollino’. Questo ci fa molta paura.

In che modo comunicate le politiche ‘green’ aziendali?

Lo facciamo dialogando con i nostri clienti, pubblicando i report di sostenibilità, ma soprattutto rispondendo alle tante e più diverse richieste che essi ci fanno riguardo a questo argomento. 


© Nuova Libra Editrice

Codice Fiscale, Partita Iva e Registro Imprese di Bologna n. 02398900379