Lanificio Bottoli presenta
la nuova collezione di coperte

Location d’eccezione un mulino del 1300


Un mulino/follo del 1300, nato al servizio di una comunità di religiose, è stato scelto come scenario per il lancio della nuova collezione di plaid e coperte dello storico Lanificio. La struttura, che precisamente risale al 1311, apparteneva infatti al convento delle monache che lo utilizzavano come follo per i panni.

Restaurato negli anni 2000 è l’unica ruota idraulica attiva sul Meschio (fiume che attraversa Vittorio Veneto e lambisce il Lanificio). La scelta omaggia un manufatto che segna la storia dell’inizio della tessitura, del trattamento della lana. Dal 1800 in poi la ruota, invece che comandare il follo per la follatura dei panni, venne usata per la macina del grano. Attualmente il follo non è più tale ma un mulino.

Una testimonianza di un passato che rivive nelle collezioni di chi lavora con maestria la lana dal 1861.


© Nuova Libra Editrice

Codice Fiscale, Partita Iva e Registro Imprese di Bologna n. 02398900379